MaiStraki nel giro della Francia del Sud (Provenza e Camargue)

a cura di Enzo Tommasi (collaborazione di Giampaolo Turri)

Caratteristiche:
- Percorso molto interessante e vario, ma con poche strade ciclabili (il confronto con Olanda e Germania, affrontate in passato, risulta impietoso).
- Km. globalmente percorsi: 311 che, in considerazione del vento sopportato, valgono ben di più.
- Prezzi: buono il prezzo degli alberghi, normale quello dei ristoranti, molto care le bevande. 
 

 

 

 

29 maggio 2006, Tour nella “Reserve Nationale de Camargue”, Salin de Giraud, km 15
Ore 5.15 del 29 maggio 2006.
Malgrado la forzata defezione (a seguito di un incidente ciclistico dell’ultima ora) di “monsieur clavikule” detto Pierleopoldo avvertiamo qualche difficoltà, peraltro ben presto superata, a stivare nel mitico monovolume Maistrako le quattro biciclette degli arditi, sia pur smontate ai minimi termini.
Non si capisce come 2 sere prima il test di carico di 5 bici avesse dato buon esito. Ma tant’è!!!
Il viaggio si svolge con regolarità sino a Montecarlo, ove si decide collegialmente di fare una sosta ristoratrice; sapendo che il giorno precedente si era svolto il classico GP di Formula 1 percorriamo metà del percorso di gara nella stessa ambientazione che ha visto protagonisti i piloti: sono le 9.50 e le strutture (guard rails, cordoli, striscioni pubblicitari, tribune) sono in fase di smantellamento e così pure i team stanno smontando, nei box piazzati sul lungomare, le loro strutture di supporto. Si riesce quindi ad assaporare l’atmosfera della corsa e soprattutto del suo contorno (barche da sogno, vetture da favola e quant’altro).
Riprendiamo quindi il viaggio ed alle 15 arriviamo ad Aix en Provence per una pausa ristoratrice e successivamente, ripreso il mezzo di locomozione, attraversiamo località di scarso pregio, con raffinerie di petrolio, industrie chimiche e quant’altro: sensazione di smarrimento.
Poi arriviamo ad un braccio del grande fiume Rodano, attraversato per mezzo di un piccolo traghetto (Bacs de Barcarin: costo: € 4,50), e sbarchiamo d’incanto in un altro mondo, la “Reserve Nationale de Camargue” in cui, alle 17.45, troviamo alloggio nella località di SALIN DE GIRAUD che sarà il punto di partenza del giro ciclistico.
Dopo rapida trattativa con gli inquietanti gestori del pomposo “Hotel Restaurant La Camargue” - due fratelli che danno la sensazione di essere dei “serial killer” in libertà vigilata - e consultato un polveroso registro rigorosamente in stile anni 60, verificando che la pagina delle prenotazioni è desolatamente vuota, il gestore sentenzia: forse troviamo un posto, gradite la stanza 1 o la 2 o la 3? Il gruppo ritiene che, in totale assenza di altre possibilità, sia opportuno mangiare e dormire in questo Hotel, anche perché è l’unico della zona (pernotto a 75 € per una stanza a quattro letti). La stanza è più che decorosa e ci consente - dopo il rimontaggio delle bici ed una prima sgambata all’osservatorio locale con una veduta particolare di montagne di sale marino ed un primo assaggio del vento modello “Mistràl” che ci accompagnerà implacabile nei giorni a venire – di fare un’ottima doccia in attesa della cena.
La fame non manca ma il rapporto qualità (assai scadente) – prezzo (elevato) non ci soddisfa: acqua minerale quasi al costo dello champagne, “faux filet” di toro consistente quanto gli zoccoli del quadrupede, bicchieri che aderiscono all’unto della tovaglia, rigorosamente di tessuto plastificato. L’esordio non è al meglio, ma poi le cose miglioreranno decisamente.

30 maggio 2006, Salin de Giraud – Arles, km. 52
Dopo un colazione di poco superiore allo standard della cena precedente (con ovvie lamentele di Stefano detto “El Bufalo” anche per la modesta quantità di cibo) attrezziamo con cura le bici per il viaggio ed arriviamo a “La Capelière”, magnifica oasi per l’osservazione degli uccelli tramite poderosi binocoli, al limitare dello Stagno di Vaccarès: la visita a piedi nel percorso museale e soprattutto nell’oasi comporterà circa 1 ora e mezza di tempo.
Ripartiamo attraversando svariate risaie che sfruttano l’acqua fornita dal delta del Rodano, che oltrepassiamo tramite un piccolo traghetto, e quindi spingiamo senza sosta sui pedali per contrastare, per quanto possibile, l’azione del vento a raffiche (le famigerate “rafales”) d’intensità anche superiore ai 110 km/h: sarà una costante sino a Nimes e anche nel ritorno in Camargue. La sensazione è quella di pedalare costantemente in salita e con continui strappi che obbligano a scendere di 2/3 rapporti in pochi metri per non piantarsi completamente. Abbiamo addirittura difficoltà a mantenere una traiettoria rettilinea o anche solo a restare in sella: più volte il Mistral ci fa deragliare dalla strada asfaltata e mettere i piedi a terra.
Malgrado queste difficoltà non ci scoraggiamo ed alle 15.30 Arles ci vede arrivare: non inganni la brevità della tappa, ed anche di quelle a venire, perché i km, in queste condizioni che impongono un enorme dispendio energetico, valgono il doppio.
Infatti, esaurite le energie, prima ancora di trovare alloggio cerchiamo con ansia un Supermarket per soddisfare le esigenze alimentari: prendiamo poi posto all’Hotel Ibis (66 € la doppia), sistemiamo velocemente le bici e, ancora in vesti ciclistiche, divoriamo a bordo piscina dell’hotel i cibi di cui sopra. Dopo il robusto rifocillo (ma “El Bufalo” quanto mangia?) e una quanto mai opportuna doccia, indossiamo abiti civili e ci rechiamo nel centro di Arles per una breve visita turistica: Teatro Romano, Arena (in scala minore rispetto a quella di Verona ed anche rimaneggiata con parti visibilmente di recente fattura), alcune chiesette. Quindi ceniamo, con il contorno di un’ottima birra, e successivamente ritorniamo in albergo per il meritato riposo.

31 maggio 2006, Arles – Avignon, km. 62
Dopo una più che pregevole colazione in hotel (era ora) partiamo sempre con il vento a sfavore e “rafales” sempre più violente: si medita addirittura l’abbandono, discutendo tra noi se per l’eccessiva intensità del vento al Tour de France siano mai state annullate delle tappe o meno. Comunque, se pur lentamente, procediamo e dopo qualche chilometro arriviamo all’”Abbaye de Montmajour”, un maestoso maniero del tredicesimo secolo che non risulta possibile visitare all’interno.
Proseguiamo con grandi difficoltà di equilibrio, deviando per Fontvieille su strade secondarie, visitando il bel “Moulin de Daudet” (l’autore di “Tartarino di Tarascona”) fino a raggiungere Le Baux con una prima impegnativa salita. Dopo la visita al caratteristico villaggio, arroccato su uno sperone di roccia, affrontiamo una breve ma soddisfacente discesa per risalire verso un piccolo valico (250 m.) che ci costringe ad utilizzare i rapporti più agili per poi scendere dall’altro versante con il vento che ci arresta persino in discesa.
Appena arrivati in pianura incontriamo il sito archeologico di Glanum, notevole per un arco funerario dedicato ad un patrizio del 50 d.c., e successivamente raggiungiamo la cittadina di St. Remy de Provence, terra natale di Nostradamus, ove si sta svolgendo un vivace mercatino di legumi e frutti, consumati sul posto. Ritemprati nelle membra ci dirigiamo verso Avignon dove arriviamo ben presto e, con qualche peripezia, troviamo alloggio all’Hotel du Lavarin (catena Best Western). Confortevole sistemazione delle bici nella sala convegni, poderosa doccia e quindi ripartenza in abiti normali e con le bici alleggerite dei bagagli verso il centro di Avignon distante circa 5 km dall’albergo: ovviamente non può mancare il consueto vento contrario.
Il luogo impone, una volta ammassati ed avvolti da catene e catenacci le biciclette, la visita al magnifico Palazzo dei Papi; il biglietto d’ingresso (€ 11,50) è comprensivo anche della visita al “Pont d’Avignon” (e già Ezio comincia a canticchiare, contagiando tutti, la canzone medievale “sous le pont d’Avignon on y danse, on y danse”) che avrà luogo il mattino successivo. La visita dell’imponente palazzo, pur svuotato dei contenuti che erano presenti all’epoca dei Papi, risulta molto interessante, anche per l’ottima qualità delle informazioni che ci vengono fornite tramite uno specifico apparato audio in lingua italiana.
A seguire cena in centro, sdoganamento bici dal lucchettame e rientro in Hotel per adeguato riposo.

 

1 giugno 2006, Avignon – Nimes, km. 68
Dopo un’ottima colazione a buffet (stavolta “El Bufalo” appare soddisfatto sia della qualità sia della quantità) paghiamo e rientriamo nel centro di Avignon per la visita, sino a mezzogiorno, al celebrato ponte “Saint Bénézet”, altrimenti detto “Pont d’Avignon”.
Quindi partiamo, superando su ponti moderni i 2 bracci del grande Rodano (abbiamo peraltro tentato di prendere un suggestivo traghetto, ma questi non era agibile per il vento eccessivo!!) ed arriviamo a Villeneuve, con la Torre di Filippo il Bello, da cui il Re di Francia dominava il Palazzo dei Papi, ed una magnifica chiesa; quindi torniamo sulla via maestra per raggiungere, dopo 29 km, il “Pont du Gard”, uno dei più interessanti e suggestivi monumenti di Francia, imperitura testimonianza del genio dei nostri progenitori romani; avendo avuto più tempo a disposizione sarebbe stato bello poter affrontare il fiume in canoa, ma occorreva riprendere la strada per arrivare a Nimes.
Distrutti dal vento e dal sole arriviamo alla meta di giornata abbastanza presto: sarà la nostra fortuna poiché in città è in pieno corso la “Feria” annuale, con 5 giorni di baccanale, concerti, corride, feste per strade e quant’altro. Troviamo l’ultimo alloggio utile (100 € la doppia) in centro, all’Hotel Kyriad, e tiriamo un sospiro di sollievo: ripartire in bici per trovare un altro posto fuori città sarebbe stato devastante, considerata la nostra stanchezza.
Sistemate le bici facciamo un giro a zonzo in città, gemellata con Verona, girovaghiamo per il centro dando un occhiata qua e là a vari eventi “live” e quindi, dopo un vivace dibattito (pesce, carne, paella?) ci accordiamo per il ristorante: la scelta è azzeccata, sarà un’ottima cena, ben guarnita da ottimi vini, a € 35.
Quindi ci concediamo alcune ore di svago vagabondando tra uno spettacolo e l’altro sino a mezzanotte e oltre: da segnalare che Giampaolo viene trafitto al cuore da una giovane danzatrice on the road dalle movenze feline, in perfetto stile “brasileiro”, e non si capacita di dover tornare ben presto in albergo: ma tant’è, la vita dell’atleta impone qualche sacrificio.

2 giugno 2006, Nimes – St.Maries de la Mer, km. 76
Dopo un’eccellente colazione in hotel ed una foto di gruppo scattata dal cortese albergatore partiamo alle 9.15 perdendo diverso tempo nella caotica circonvallazione di Nimes, sbagliando pure direzione, ma presa la giusta via sentiamo il solito Mistràl spirare finalmente alle spalle e, trainati dal Bufalo in gran forma (resterà agli atti l’urlo del Turi: “no stà molàr el Bufalo”), raggiungiamo la punta massima di velocità del viaggio: 43 km/h. Rientriamo quindi, dopo vari giorni, in Camargue e saliamo in una bufera di vento la “Tour Carbonnière” da dove si ammirano distese di uccelli nelle paludi ed acquitrini; dopo pochi km. ci accoglie la cittadella fortificata di Aigues Mortes, da dove molti secoli fa partì la prima crociata. Dopo un primo ristoro a base di bibite e cibo (si ricorda Ezio addentare un poderoso panino) per soddisfare il puro spirito di sopravvivenza, ci concediamo finalmente la celebrata bibita del ciclista: una gustosa “bière panachè” al Cafè Le Perroquet, nella piazza principale del villaggio. Ripartiamo alle 15 da Aigues Mortes e, sempre in favore di vento, traghettiamo il Rodano per arrivare a Saintes Maries de la Mer, rimarchevole cittadina turistica sul Mediterraneo, famosa per la chiesa fortificata e per la festa annuale dei gitani che qui convergono a metà maggio da tutta l’Europa.
Trovato alloggio all’Hotel “Le Neptune” ha quindi luogo il consueto iter di ricerca del ristorante giusto: i desiderosi di paella tentennano troppo alla ricerca del posto migliore e perdono l’attimo fuggente; il locale da loro prescelto chiude i battenti. Troveremo comunque un locale ancora disponibile, ma la cena non sarà eccelsa; tornando verso l’hotel Stefano propone l’osservazione di un tramonto particolarmente gradevole. Pur stanchi ci incamminiamo verso gli acquitrini ma notiamo un’auto con i fari accesi sul limitare delle acque: a farla breve scopriamo che un soggetto totalmente ubriaco invece di far retromarcia dal parcheggio si era fiondato (da quanto tempo?) verso un periglioso canale. Miracolosamente la vettura si era incastrata, paurosamente inclinata di lato, su una sporgenza e l’ubriacone accelerava, senza la marcia inserita, per tentare di andare non si sa dove. Stefano ed Enzo, colta la gravità della situazione, restano sul posto per cercare di estrarre il malcapitato dalla macchina mentre Ezio e Giampaolo vanno a cercare un improbabile soccorso, ritenendo necessario far telefonare urgentemente al “diciotto”. Solo al ritorno dei due, con qualche altro del villaggio, una catena di soccorritori formata da tre persone riesce a tirar fuori dalla vettura il corpo morto nella macchina, che alcuni indizi (indifferenza dei concittadini per il suo recupero, vettura abbandonata a se stessa dai Vigili del Fuoco almeno sino al mattino successivo, etc.) hanno fatto ritenere non essere particolarmente apprezzato in paese.
Tuttavia occorre seriamente dire che solo una dannata fortuna del malcapitato e la nostra casuale presenza ha salvato la persona da sicura morte; sarebbero bastati solo pochi cm. di maggior inclinazione e l’auto sarebbe scomparsa nelle acque con il conducente.
Morale: talvolta un bel tramonto può contribuire a salvare una vita.

3 giugno 2006 St.Maries de la Mer – Salin de Giraud, km. 37
Colazione discreta all’Hotel Le Neptune (€ 5), breve visita alla vettura, nella stessa posizione della sera precedente ed ancora con i fari accesi, e dopo un difficile approccio al percorso da compiere verso le 10 imbocchiamo la giusta via: una strada sterrata, spesso coperta di sabbia – per cui sovente le bici si piantano e devono essere spinte a mano – nel cuore del mitico “Parc Nazionale de Camargue”. E’ in assoluto la parte più bella, dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, di tutto il viaggio: tra il mare e i numerosi stagni incontriamo stormi di fenicotteri e aironi nonché mandrie di bufali e cavalli; non mancano laghi salati da cui il mare periodicamente si ritira, lasciando incrostazioni sul terreno di variegate colorazioni e particolare bellezza. Sostiamo presso il faro di “La Gacholle” (con un piccolissimo museo) e quindi di buona lena pigiamo sui pedali per arrivare alla località di partenza del viaggio dove ci aspetta l’auto: Salin de Giraud, ove meritatamente arriva per primo Stefano detto “El Bufalo”.
Sistemiamo noi stessi e le bici, ci rinfreschiamo, e quindi, alle 14.40, siamo in grado di ripartire verso l’Italia con opportuna digressione sulla Cote de l’Esterel (da Saint Raphael a Cannes) e quindi ad Antibes, per placare i morsi della fame con opportuna libagione; ripartiamo ben rifocillati ed in tardissima serata saremo alfine a casa.

Album fotografico

Francia, Provenza

Aggiungi un commento all'articolo

продвижение сайтов цены Самара

Скажем, вы собственник нового web-сайта, который имеет приятный дизайн, удобную навигацию и полезную для участников информацию. Но на сервис ни кто не заходит. Что делать? Если у вас есть собственный бизнес мы поможем вам создать промо сайт. Понятно, ни одно настоящее либо виртуальное предприятие не может продвигаться само по себе. Всякой специализированной компании требуется помощь в приобретении известности, а во Мировой компьюторной паутине без нее категорически не быть из-за бешеной конкурентной борьбы.Мы занимаемся разработкой пейджа. Мы всегда готовы запустить настоящий любой проект в течение пары дней. Выключая предоставления отделанных онлайн-проектов, мы осуществляем работы технической поддержки: уместное продление хостинга и домена, добавление содержания на веб-сайт, размещения новостей. Наши услуги дадут возможность вам стать лидером на просторах всемирной паутины.

[url=https://apistudio.ru]продвижение сайта в сша[/url]

Если вам нужно продвижение или создание сайта - пишите на sales@apistudio.ru

fKcym4QRvtdzlR7g5cN8SYz

Hello to all
In this difficult forthwith, I love you all
Appreciate your family and friends

как продвинуть сайт в google Москва

Представим, вы обладатель нового веб-сайта, который имеет приятный современный дизайн, удобную навигацию и полезную для участников информацию. Но портал ни кто не посещает. Что делать? Если у вас есть собственный бизнес мы поможем вам создать промо сайт. Само собой разумеется, ни одно реальное либо виртуальное предприятие не может продвигаться независимо. Определенной компании нужна подмога в приобретении известности, а во Мировой компьюторной паутине без нее категорически не обойтись из-за яростной конкурентной борьбы.Мы занимаемся разработкой промо сайта . Сотрудники нашей компании готовы запустить полноценный финансовый проект в течение 10 дней. Помимо оформления выполненных web-сайтов, мы выполняем служба технической помощи: уместное продление хостинга и домена, добавление содержания на интернет-проект, размещения известий. Наши услуги могут помочь вам стать лидером на необъятных просторах инета.

[url=https://apistudio.ru]продвижение сайта в сша[/url]

Если вам нужно продвижение или создание сайта - пишите на sales@apistudio.ru

Better homes and garden bathroom makeover

General specialist New York

The job of General construction New York is actually to transfer to the customer the whole amenities all at once, and also certainly not such as independently conducted work. Of particular importance is the job of the overall specialist during the large-scale building of apartment of domestic kind, industrial complexes, industrial centers.

[b][url=https://grandeurhillsgroup.com/]interior design new york[/url];[/b]
[u]Industrial structures.[/u]

Today, the list of development companies consists of a variety of company interior design. An capitalist as well as a client can easily devote a considerable amount of time-solving on all organizational concerns. A additional sensible answer is to leave this part to General building NY.

Kitchen dining room renovations

General professional New York

The job of General building and construction New York is to move to the client the entire center all at once, as well as certainly not such as individually carried out job. Of particular significance is the task of the general service provider throughout the large-scale development of apartment of property kind, commercial complicateds, business amenities.

[b][url=https://grandeurhillsgroup.com/]construction planning ny[/url];[/b]
[u]Industrial structures.[/u]

Today, the list of building and construction companies includes various corporate interior design. An capitalist and a client can devote a lot of time-solving on all company concerns. A more reasonable remedy is to leave this function to General construction NY.

Hi! Only from 18+!

Hurry up to look into loveawake.ru you will find a lot of interesting things





Show more...[/url]

More info!..[/url]

Eskadron -- brand loved by horse riders all around the whole world

Eskadron is one of the most appreciated equestrian brands on the world that specializes in the production of top quality design clothing and equipment. This Italian concern has been founded by Pikeur wanting to fit up with the jockeys' demands, have been searching for professional but also trendy equestrian accessories. So, what makes Eskadron so special and why their selections are therefore popular among riders?Eskadron -- why do riders from all around the world love this particular brand?
Eskadron is extremely popular among horse-riding fans for twelve or even more years today. This new products are characterized by their own supreme quality attention to detail. Eskadron is also appreciated for their unique practicality, elegance, innovativeness in their endeavors, modern style and design, and accessibility. The brand's offer has both pro items and ones for amateur riders. Thus, you'll discover basic equestrian clothing, expert equestrian, and various accessories necessary for the proper saddling of a horse. Eskadron offers saddle fabrics, halters, rugs, bell boots for horses, boots, fly vases, bandages, however additionally hoodies, t-shirts, breeches, also show jackets. These products come from the European Union, which in addition verifies their own quality.Eskadron's ranges
Eskadron has lots of selections. Some are seasonal, many others are always accessible their deal. The very Well-known collections of this brand are:
Vintage Sports - launched twice per year, this lineup is made up only of horse riding equipment. Products from this collection are extremely straightforward, in conventional soft colours but at the identical time very elegant.
Platinum - starts once annually for those who prefer conventional solutions. You will mostly find black and gray colors combined with delicate graphic themes.
Young Star - lineup for kiddies that begin their adventure with horseriding. It has basic horseriding accessories in bright colors and exceptional designs.
Equestrian Fanatics - clothing line created for riders that like to stand out. Available jackets, hoodies, and backpacks successfully combine casual clothing with equestrianism.
Vintage offer - Their constant offer of clothing, equipment, and accessories. You'll find products useful for training and regular rides but also elegant show clothing.

Eskadron is a fresh used by cyclists from all around the world. For the sake of riding and safety both yours and your horse, it might be worth investing in highquality articles, which will permit you to fully appreciate this exceptional sport.

Youtube to mp4 shark

Hi folks, I would like to share a handy online tool.
The Best [url=https://keepvid.ch/en/youtube-to-mp4]YouTube to mp4[/url] converter.
[url=https://flvto.ch/de]youtube converter[/url]
Support all web browsers to Download YouTube to MP3 & MP4
MP3 is mainly for audio files, whereas MP4 is for multiple digital files. If you want to listen to music only, a tool that converts YouTube to MP3 is your choice. If you have enough space on your devices, you can download YouTube videos in MP4 format so that you can enjoy both music and videos. No matter which one you need, this tool is a good choice. You can download videos here and convert YouTube to MP3 to only enjoy the audio. This free online solution to YouTube download can assist you to download YouTube to MP3 and MP4. How to download from YouTube? Just give this tool a try.

Интересная новость

Довольно интересно

Parking lot re-surfacing & striping

General contractor manhattan

The task of General building and construction manhattan is actually to move to the customer the whole establishment as a whole, and also certainly not in the form of independently carried out job. Of particular importance is actually the duty of the basic specialist during the course of the massive building and construction of flats of domestic type, commercial complicateds, office amenities.

[b][url=https://grandeurhillsgroup.com/]bathroom remodeling[/url];[/b]
[u]Industrial structures.[/u]

Today, the list of building companies consists of a variety of business interior design. An real estate investor as well as a consumer may invest a considerable amount of time-solving on all business concerns. A additional sensible answer is actually to delegate this job to General building and construction NY.

Nuovo commento